Non sei un veterinario ma un proprietario di animali? Clicca qui

pack gonavet veyx soluzione iniettabile

Gonavet Veyx® soluzione iniettabile

Icona mirino indicazioni Gonavet Veyx soluzione iniettabile

Indicazioni:

Controllo e stimolazione della riproduzione; trattamento disturbi/disfunzioni della fertilità

Icona spettro Gonavet Veyx contro di-sfunzioni

Spettro d’azione:

GnRH ad effetto ormonale sulla fertilità

Icona specie Gonavet Veyx per bovini suini equini

Specie:

Bovini, Equini e Suini

Icona composizione Gonavet Veix solu-zione iniettabile

Formulazione:

Soluzione iniettabile

Prodotti

Prodotti Gonavet Veyx® soluzione iniettabile

Controllo e stimolazione della riproduzione in bovine e suini. Trattamento di disturbi o disfunzioni della fertilità associati alle ovaie in bovine e cavalle.
 

CONFEZIONI:
Gonavet Veyx: flacone da 50 ml
Gonavet Veyx: flacone da 10 ml

Informazioni scientifiche

Gonavet Veyx® soluzione iniettabile informazioni scientifiche

Controllo e stimolazione della riproduzione in bovine e suini. Trattamento di disturbi o disfunzioni della fertilità associati alle ovaie in bovine e cavalle.

Indicazioni

Controllo e stimolazione della riproduzione in bovine e suini. Trattamento di disturbi o disfunzioni della fertilità associati alle ovaie in bovine e cavalle.

Bovine (vacche, manze):
- Induzione dell’ovulazione in caso di ritardata ovulazione causata da deficit di LH.
- Induzione/sincronizzazione dell’ovulazione nell’ambito di sistemi di inseminazione a tempo prefissato.
- Stimolazione delle ovaie durante il periodo puerperale dal giorno 12 post-parto.
- Cisti ovariche (causate da deficit di LH).

Suini (scrofe, scrofette):
- Induzione/sincronizzazione dell’ovulazione nell’ambito di sistemi di inseminazione a tempo prefissato e sincronizzazione dei parti.

Equini (cavalle):
- Aciclia e anestro causate da deficit di LH.
 

Posologia

Per iniezione intramuscolare o sottocutanea. Per impiego intramuscolare, preferibil-mente nella regione del collo. Il prodotto è destinato alla singola somministrazione, ec-cetto quando impiegato come parte del protocollo di inseminazione artificiale a tempo prefissato “Ovsynch”. Dosaggio in ml di prodotto e in µg di gonadorelina[6-D-Phe] per animale.

Bovine (vacche e manze) mediante iniezione intramuscola-re: 1,0 – 2,0 ml
(corrispondenti a 50 – 100 µg di gonadorelina[6-D-Phe])
- Induzione dell’ovulazione in caso di ovulazione ritardata dovuta a deficit di LH                                       2,0 ml
- Induzione/sincronizzazione dell’ovulazione nell’ambito di
  sistemi di inseminazione a tempo prefissato     1,0 – 2,0 ml
- Stimolazione delle ovaie durante il periodo puerperale dal giorno 12 post-parto                                           1,0 ml
- Cisti ovariche (causate da deficit di LH)           2,0 ml

Suini (scrofe e scrofette) mediante iniezione intramuscolare o sottocuta-nea:                                             0,5 – 1,5 ml
(corrispondenti a 25 – 75 µg di gonadorelina[6-D-Phe])
-  Induzione/sincronizzazione dell’ovulazione nell’ambito di sistemi di inseminazione a tempo prefissato e sincronizzazione dei parti
Scrofe:                                            0,5 – 1,0 ml
Scrofette:                                        1,0 – 1,5 ml

 
Equini (cavalle) mediante iniezione intramuscolare:    2,0 ml
(corrispondenti a 100 µg di gonadorelina[6-D-Phe])
Il tappo in gomma del flacone può essere perforato in tutta sicurezza fino a 25 volte. Al-trimenti, per flaconi da 20 e 50 ml deve essere utilizzato un dispositivo a siringa auto-matica oppure un apposito ago di erogazione per evitare l’eccessiva perforatura della chiusura.
 
Informazioni particolari
 
Bovine:
Per la sincronizzazione dell’estro e dell’ovulazione e l’inseminazione artificiale (AI) a tempo prefissato, nelle bovine è stata sviluppata la cosiddetta procedura “Ovsynch”, che consiste nell’impiego combinato di GnRH e PGF2a. In letteratura viene comunemente riportato il seguente protocollo di AI a tempo prefissato:

Giorno 0: Iniettare 100 µg di gonadorelina6-D-Phe per animale (2 ml di prodotto)
Giorno 7: Iniettare PGF2a o un analogo (dose luteolitica)
Giorno 9: Iniettare 100 µg di gonadorelina6-D-Phe per animale (2 ml di prodotto)
AI: 16 – 20 ore più tardi o all’osservazione dell’estro se avviene prima

La procedura Ovsynch può non essere altrettanto efficace nelle manze quanto nelle vac-che.

Suini:
Il sistema di sincronizzazione dell’ovulazione comprende la somministrazione di pefo-relin o PMSG dopo il termine della sincronizzazione dell’estro con Altrenogest nelle scrofette o nelle scrofe adulte dopo lo svezzamento e due inseminazioni artificiali a tempi prefissati. Nelle scrofe adulte, la tempistica dipende dalla durata del periodo di al-lattamento. Si raccomandano le seguenti procedure:

  Scrofette* Scrofe adulte**
Induzione dell’estro Peforelin 48 h o PMSG (eCG) 24 h - 48 h dopo l’ultima applicazione di Altrenogest Applicazione di peforelin o PMSG 24 h dopo lo svezzamento
Sincronizzazione dell’ovulazione Gonadorelina[6-D-Phe] 78 - 80 h dopo applicazione di peforelin o PMSG Periodo di allattamento > 4 settimane:
gonadorelina[6-D-Phe] 56 - 58 h dopo applicazione di peforelin o PMSG
 
Periodo di allattamento di 4 settimane:
gonadorelina[6-D-Phe] 72 h dopo applicazione di peforelin o PMSG
 
Periodo di allattamento di 3 settimane:
gonadorelina[6-D-Phe] 78 - 80 h dopo applicazione di peforelin o PMSG
 
1° AI 24 - 26 h dopo applicazione di gonadorelina[6-D-Phe] 24 - 26 h dopo applicazione di gonadorelina[6-D-Phe]
2° AI 40 - 42 h dopo applicazione di gonadorelina [6-D-Phe] 40 - 42 h dopo applicazione di gonadorelina[6-D-Phe]

*Nelle scrofette la dose preferita di Gonavet Veyx è di 50 µg di gonadorelina[6-D-Phe]. Tuttavia, è possibile aggiustare la dose entro l’intervallo di 50 - 75 µg per tenere conto degli specifici aspetti dell’allevamento o delle influenze stagionali. La tempistica propo-sta deve essere seguita con rigore.
**Nelle scrofe adulte la dose preferita di Gonavet Veyx è di 50 µg di gonadorelina[6-D-Phe]. Tuttavia, la somministrazione di 25 µg è sufficiente anche in caso di scrofe con numero di parti superiore a 3 o durante il periodo di accoppiamento da settembre fino a maggio. La tempistica proposta deve essere seguita con rigore.

Regime di dispensazione

Ricetta non ripetibile

back to top